Vino: scelta del bicchiere adatto

Quali sono i principali20120706141935 tipi di bicchiere? Quali sono i più adatti per il vino che abbiamo scelto?

Ecco una breve e facile guida per scegliere il giusto bicchiere per valorizzare al massimo il nostro vino!

http://www.erresse-shop.it/zafferano

 

Vini Bianchi Giovani e Freschi

La caratteristica principale di questo bicchiere è la forma della sua apertubianco giovanera che tende ad allargarsi rispetto al corpo. Quando il vino viene introdotto nella bocca, questa particolare forma dirige il liquido principalmente nella punta della lingua, più sensibile alla dolcezza, e quindi ai lati della lingua, più sensibili all’acidità. Questo bicchiere è inoltre adatto per i vini giovani e freschi che hanno inoltre un certo residuo zuccherino che deve essere valorizzato. La forma del calice consente inoltre di concentrare i profumi verso il naso e favorendo la percezione degli aromi delicati e fruttati dei vini giovani.

Vini Rossi Giovani – Bianchi maturi

Questo bicchiere è essenzialmente uguale a quello utilizzato per i vini bianrosso giovane e bianco maturochi corposi e maturi, di fatto si può utilizzare tranquillamente lo stesso bicchiere. Questo tipo di vino, con tannini, quando presenti, piuttosto aggressivi, deve stimolare principalmente le parti interne della bocca ed evitare, almeno nella fase iniziale di introduzione nella cavità orale, il contatto con le gengive che a causa dell’astringenza darebbero luogo ad una sensazione tattile poco piacevole. Il corpo del bicchiere dovrà essere inoltre largo in modo da consentire un’adeguata ossigenazione e sviluppo degli aromi.

Vini Rossi Corposi e Molto Maturi

La caratteristica di questi bicchieri data dalla loro grande dimensionrosso corposo maturoe, con corpo piuttosto ampio per consentire la giusta ossigenazione di vini rossi lungamente affinati in bottiglia e con tannini che hanno già assunto un carattere più morbido. La forma ampia di questo bicchiere consente inoltre di evitare, quando possibile, la decantazione del vino in quanto, data la sua ampiezza, consente un’adeguata ossigenazione del vino, sviluppando aromi complessi e terziari, che saranno ben concentrati nell’apertura più stretta. L’apertura è inoltre alta e diritta in modo da dirigere il vino inizialmente nella parte posteriore della bocca, esattamente per la stessa ragione degli altri bicchieri per vini rossi. Date le sue caratteristiche, questo bicchiere è da utilizzarsi per vini prodotti con uve piuttosto vigorose come il Sangiovese o il Cabernet Sauvignon.

Spumanti Metodo Classico Maturi e Millesimati

Si tratta di una flûte con la pancia più larga e apertura stretta, caratteristicflutehe che consentono l’ossigenazione del vino e quindi il giusto sviluppo degli aromi complessi e terziari degli spumanti metodo classico millesimati e maturi, senza compromettere per questo lo sviluppo e l’apprezzamento del perlage. Flûte, calice e coppa vanno tenuti per lo stelo, facendo in modo di non toccare il bicchiere con la mano – il calore della pelle, infatti, andrebbe ad intaccare la temperatura ottimale del vino e il suo stesso odore.

Lascia un commento